Spelt and rice flour crackers

crackers alla farina di riso e farro

french version english version italian version(faire défiler/scorrere in basso /scroll down)

Summer is approaching, but instead of filling my fridge (and my stomach) with fresh fruits and vegetables, I am storing my pantry with any sort of flour to make pizzas, breads and crackersAfter having first tried (and devoured) this recipe and then having fantasized on this other, I decided to create my own “cracker recipe”, inspired by their tastiness and “beauty”. I’m bringing these homemade crackers to Angi’s, where Caroline and Jess are co-hosting for another amazing FF party all together!

Ingredients:

150 gr. of spelt flour • 100 gr. of rice flour •  120 gr. of water • 30 gr. of flax seeds • 20 gr. of black sesame • 3 tablespoons of olive oil•  8 gr. of salt • freshly ground pepper

  • In a bowl, mix the flours and the seeds;
  • Add the olive oil, salt and a pinch of pepper, mix well;
  • Add the water, stir with a spoon and then knead with your hands until you obtain a smooth and homogeneous ball of dough;
  • Cover the dough and let it rest for about 20 minutes;
  • Preheat oven to 180° and line a roasting plate with parchment paper, set aside;
  • On a lightly floured surface, roll out the dough to a thickness of 4-5 mm;
  • With a pastry blender, cut your crackers as you prefer (mine were rectangular, more or less 5x4cm);
  • Bake the crackers for 15 minutes or more if, like me, you like them very crispy;
  • Let them cool down very well.

These crackers are good for 3-4 days, preferably if stored in a paper bag or in a metal box.

Craquelins à l’épeautre

homemade crackers with spelt and rice flour

L’été approche, mais au lieu de remplir mon réfrigérateur (et mon estomac ) de fruits et légumes frais, je suis plutôt en train de remplir ma maison de farines pour réaliser des pizzas, du pain et des craquelins… Ainsi après avoir premièrement essayé (et dévoré) cette recette et puis encore cette autre, j’ai décidé de créer la mienne, inspirée par la bonté et la facilité de tous ces craquelins.

Ingrédients:

150 gr. de farine d’épeautre • 100 gr. de farine de riz • 120 gr. d’eau • 30 gr. de graines de lin • 20 gr. de sésame noir • 3 cuillères à table d’huile d’olive • 8 gr. de sel • du poivre frais moulu

  • Dans un bol, mélangez les farines et les graines;
  • Ajoutez-y l’huile d’olive, le sel et une pincée de poivre, mélangez bien;
  • Ajoutez l’eau, mélangez avec une cuillère, puis avec vos mains jusqu’à obtenir une boule de pâte lisse et homogène (quelques minutes);
  • Couvrez la pâte et laissez-la reposer environ 20 minutes;
  • Préchauffez le four à 180° et tapissez une plaque avec du papier parchemin, réservez;
  • Sur une surface légèrement farinée, étalez la pâte jusqu’à obtenir une épaisseur de 4-5 mm;
  • Avec un coupe-pâte, formez vos craquelins selon votre grandeur préférée (les miens étaient plus ou moins de 5x4cm);
  • Cuisez les craquelins pendant 15 minutes ou plus si comme moi vous les aimez bien croustillants;
  • Faites refroidir les craquelins avant de les toucher.

Ces craquelins se conservent 3-4 jours, préférablement dans un sachet en papier ou une boite en métal.

Cracker al farro e riso

Crackers fatti a mano con guacamole

Ingredienti:

150 gr. farina di farro • 100 gr. farina di riso • 120 gr. d’acqua • 30 gr. di semi di lino • 20 gr. di semi sesamo nero • 3 cucchiai d’olio d’oliva • 8 gr. di sale • un pizzico di pepe

  • In una ciotola, mescolare le due farine e i semi;
  • Aggiungete l’olio d’oliva, il sale e un pizzico di pepe, mescolate bene;
  • Aggiungete l’acqua, mescolate con un cucchiaio e poi con le mani fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo ;
  • Coprite l’impasto e lasciatelo riposare per circa 20 minuti;
  • Preriscaldate il forno a 180° e foderate una leccarda con carta da forno, tenete da parte;
  • Su una superficie leggermente infarinata, stendete la pasta cercando di ottenere uno spessore di 4-5 mm;
  • Con una rotellina da pasta (o un coltellino) tagliate i cracker secondo la forma che preferite (i miei erano più o meno 5x4cm);
  • Cuocete i cracker per 15 minuti o un pochino di più, se come me li preferite belli croccanti;
  • Lasciateli raffreddare bene.

Questi cracker si mantengono benissimo 3-4 giorni, preferibilmente in un sacchetto di carta o di una scatola di metallo.

40 thoughts on “Spelt and rice flour crackers

    1. Let me know in case you will give it a try… it is totally worth it! Thanks a lot for being here!

  1. These look absolutely beautiful! Funnily enough I have been thinking about making crackers recently too, but mine inspired by watching bakers in a British baking competition on TV (being semi-nostalgic for home) rather than yours. These sound delicious as well. Thanks for sharing with Fiesta Friday, I’d like to take a few home please!

    1. Funny though, I thought to have replied to you… sorry for this HUGE delay… it is guacamole and it was perfect together with the crackers!

  2. Your crackers look AMAZING, Margy! I have never even thought of making my own, but now you have inspired me! They are a thing of beauty, for sure! :D

    1. Julianna I’m sure you can be a master making crackers, you know, I totally trust you! Thanks a lot for your comment, it is always nice to have you here!

  3. Je ne me lasse jamais de regarder tes recettes, Margherita, elles sont toujours délicieuses. J’aime l’ajout des graines de sesames noires (piquantes et parfumées…Passe un bon weekend! :)

  4. C’est toujours un plairir de visiter ton blog. J’aime l’ajout des graines de sésame noires (piquantes et parfumées). Passe un bon weekend Margherita! :)

    1. Merci Linda, j’ai la même sensation quand je viens “chez toi”! Désolée pour le retard de ma réponse!

  5. Eccoli! Bellissimi e belli bruciacchiati come mi sa che piace ad entrambe (o entrambe abbiamo perso l’attimo e sono rimasti quel minutino in più che li ha scuriti?) :) Comunque a me piacciono davvero così :)
    Un abbraccio!

    1. Credo che non finirò mai di ringraziarti! Anche per la “bruciacchiatura”, ci stava tutta! Un abbraccio a te!

    1. You? Trouble? Hilda you would be an amazing “crackers maker”, I’m sure! Thanks a lot!

    1. As soon as you will make (and taste) them, you won’t forget, I’m sure! Thanks a lot for your comment!

  6. Love those crackers Margy, I’ve never made crackers before. They are so simple and make a nutritious and delicous snack. Can you sub barley for the rice flour or maybe oat?

    1. Thanks a lot my dear Suzanne! This recipe is effortless, trust me. I’m sure you would do a great job! About flours, yes, any flour is ok! Thanks a lot for being here!

  7. Ecco una cosa che mi ripropongo sempre di fare e che non faccio mai: i crackers! I tuoi sono splendidi e ancora una volta mi infondono molti buoni propositi… :)
    Un bacione!

    1. Ah Tatiana ma questi sono facili facili e secondo me andrebbero benissimo anche per la tua dieta…. basta solo non mangiarli tutti insieme! ;)

  8. sbaglio forse, o quella cremina accanto è a base di avocado? No, perché già l’idea di intingere i crackers in quel dip mi stuzzica non poco…Bello sapere che i nostri crackers siano stati sulla tua tavola, ora è il momento di fare scambio e lasciare che i tuoi siano sulla nostra, magari anche accompagnati da quella cremina lì… bacio grande!!

    1. Non sbagli, non sbagli… e con me vai sul sicuro! L’avocado é sempre presente nel cestino della frutta! Ultimamente voi mi tentate parecchio… se solo avessi più tempo e più energia… :)

  9. Ecco, io sono capace di finire in 5 minuti non solo tutti i crackers ma anche quella cremina verde lì… che sia di avocado, di fave, di piselli, di zucchine o di erba di prato, non importa! :D
    Confesso che i crackers mi fanno un po’ paura e non li ho mai fatti: sai il motivo? Temo possano “sbrucicchiarsi” perchè sono tanto sottili e già vedo la mia faccina perplessa e triste se dovesse accadere… ma prometto a me stessa di provarci presto perchè se gli attimi fossero stuzzichini da aperitivo, avrebbero farine come queste, bordini ondulati e piccoli pois! ;-)

    1. Immagino che invece una volta usciti dal forno sarebbero l’ispirazione perfetta per un post con i fiocchi! E la cremina si… ci voleva proprio. P.s di avocado si tratta, ogni scusa per me é buona per mangiarlo!

  10. Che sia estate, primavera, autunno o inverno niente riesce a distogliermi da una buona dose di carboidrati, soprattutto se hanno la forma di una pizza o di un cracker da sgranocchiare. Qualunque cosa sia la crema che sta lì accanto, hai appena evocato il fantasma del guacamole…dovrò correre ai ripari in tre, due, uno… :D

    1. É guacamole! Ci si può lamentare di tutto qui in Canada ma non degli avocado… sono dovunque e buonissimi!!! Un bacione e grazie mille… mi piace avere la tua approvazione quando ci sono le farine di mezzo ;)

  11. Mi piacciono da morire, sono bellissimi, e avrebbero vita breve, se solo ce li avessi a portata di mano! Io penso che la cucina sia un luogo magico… e per ritornare la discorso, ogni ingrediente può diventare creta, da modellare e colorare a proprio piacimento, secondo gusti, sensazioni ed emozioni. Farina, semi e olio di oliva, e guarda che meraviglia hai creato.
    Ti stringo forte, A.

    1. Grazie mille Alessia! Se c’é una cosa che amo fare e stare in cucina a “fare esperimenti”. Qualche volta escono pasticci, ma qualche volta qualcosa di veramente buono (anche se avevo dei validissimi esempi da seguire…). L’importante é non perdere mai la voglia di fare e riuscire sempre a trovare una buon dose di entusiasmo… che poi, mica solo in cucina?!!? Ti abbraccio.

  12. I never used spelt, and to be honest, I’m not sure what it is. I should do some research. I have never make crackers either. Looking at yours, I am so tempted to make some. Crackers look beautiful!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.